Angelo Sicilia e la Marionettistica Popolare Siciliana

La Compagnia, diretta da Angelo Sicilia, nasce a Palermo nel giugno del 2003. La Marionettistica Popolare Siciliana ha avviato un percorso che, partendo dall’opera dei pupi tradizionale, recuperandone il messaggio originale di teatro popolare, approda agli spettacoli di impegno sociale e antimafia e ai classici shakespeariani.

La scelta è stata, infatti, sin dall’inizio delle attività, quella di rappresentare tutti i grandi filoni del repertorio dell’opera dei pupi.

Da qui la scelta di realizzare, accanto agli spettacoli tradizionali della Storia dei paladini di Francia,  spettacoli tratti dal ciclo sacro, dal ciclo arturiano e da quello shakespeariano e la scelta di non rappresentare storie banditesche, ma spettacoli con un chiaro messaggio di impegno civile: l’Opera dei Pupi Antimafia.

Dal 2008 la Marionettistica Popolare Siciliana in collaborazione con il Comune di Caltavuturo ha fondato il Museo dell’Opera dei Pupi Siciliani delle Madonie – MOPS, avviando una pluriennale attività di diffusione e conservazione del teatro dei pupi, anche attraverso la realizzazione del Teatro dei Pupi “Calogero Zucchetto”, intitolato al giovane agente di polizia ucciso dalla mafia a Palermo nel 1982.

Il Presidente e Direttore Artistico della Marionettistica Popolare Siciliana, Angelo Sicilia, è regista teatrale e  studioso della storia del teatro dei pupi di scuola palermitana. Nato a Palermo nel 1970, si è laureato nel capoluogo dell’isola ove ha condotto una ricerca sul campo più che decennale sul teatro di figura. Ha appreso l’arte dei pupi della scuola palermitana lavorando in diverse compagnie storiche della scuola palermitana nella Sicilia Occidentale. Nel 2003 ha fondato la Marionettistica Popolare Siciliana con cui ha avviato un percorso di rinnovamento nell’ambito del repertorio del teatro delle marionette siciliane. Ha scritto e rappresentato, tra gli altri, “Tristano e Isotta”, “Peppino di Cinisi contro la mafia”, “Il bambino e il poliziotto”, “Storia di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino”, “Padre Pino Puglisi. Un prete contro la mafia”. Ha riadattato e messo in scena “La Passione di Cristo” dell’Orioles, “La Natività” tratta dalla “Cantata dei Pastori” dell’Abate Perrucci “La Tempesta”, “Macbeth” e “Sogno di una notte di mezza estate” di Shakespeare e “La Storia dei Paladini di Francia” di  Giusto Lo Dico.

L’associazione culturale Marionettistica Popolare Siciliana, che aderisce ad UNIMA, Unione Internazionale della Marionetta, a LIBERA ed al circuito di ADDIO PIZZO,  è riconosciuta dalla Regione Siciliana – Ass. Reg. al Turismo sport e spettacolo e titolare di contributi nell’ambito delle compagnie che svolgono attività nel campo del teatro dei pupi.

Angelo Sicilia è Nato a Palermo nel 1970.

Docente di Economia d’azienda, è il presidente dell’Archivio Siciliano delle Resistenze. Sui temi della Resistenza ha pubblicato “Sulle montagne per difendere l’Italia. Storia di Salvatore Pantaleone il partigiano “Orione” (UILP, Palermo, 2006) sulla storia del partigiano palermitano Pantaleone che combatté in Friuli, “Testimonianze partigiane.

I siciliani nella lotta di Liberazione” (Navarra ed., Palermo, 2015) e realizzato i documentari “1943-1945 Resistenza. Il partigiano Orione, un combattente per la libertà” (UILP, Palermo, 2006), “Fischia il vento. I siciliani nella Resistenza” (Archivio Siciliano delle Resistenze, Palermo, 2006) e “Ci guidavano le stelle. Testimonianze di marsalesi nella Resistenza 1943-1945” (Città di Marsala, 2007).

Autore teatrale e regista, da oltre venti anni si occupa di teatro dei pupi siciliani di cui è considerato un innovatore perla trattazione di temi sociali e di impegno civile.

Nel 2001 ha fondato la Marionettistica Popolare Siciliana e creato il ciclo dell’opera dei pupi antimafia. Dal 2008 dirige il M.O.P.S. –  Museo dell’Opera dei Pupi Siciliani di Caltavuturo (Pa).

Nel 2012 ha ricevuto il premio “Legalità e cultura” da parte del Dipartimento legalità della Filca-Cisl e del Siulp e nel 2015 il premio “Ignazio Buttitta” per l’impegno civile dei pupi antimafia.