IMG-20180422-WA0032Il 27 Aprile del 2018 è stata rappresentata all’Auditorium della Rai di Palermo la prima nazionale dell’ultimo spettacolo del Ciclo dei Pupi Antimafia di Angelo Sicilia, in ricordo del piccolo Giuseppe Di Matteo: “Non mi piace il buio. Prigionia e morte di Giuseppe Di Matteo.”  tratto dal libro di Martino Lo Cascio “Il giardino della memoria.”

“E’ stato molto complesso e doloroso mettere in scena questo spettacolo”   spiega Angelo Sicilia “Perché questa è una storia molto dura e particolare, in quanto racconta di un bambino figlio di un mafioso, rapito e tenuto prigioniero per più di due anni, poi ucciso, dagli stessi mafiosi, perché suo padre, Santino Di Matteo, aveva cominciato a raccontare ai magistrati le dinamiche delle stragi di Capaci e Via D’Amelio in cui rimasero uccisi Giovanni Falcone, Paolo BoIMG_3610rsellino e gli uomini della scorta. Rappresenta il punto più basso raggiunto dalla mafia.”

Lo spettacolo è una storia dentro una storia. Da un lato abbiamo i monologhi del piccolo Di Matteo, rinchiuso nella sua prigione, dall’altro le parole fredde e criminali dei suoi assassini che raccontano la vicenda ai magistrati.

“E’ uno spettacolo” continua Angelo Sicilia “Che emoziona e che lascia pietrificati davanti a tanta crudeltà”.